Recensione CREATE NETBOT S15

Nella nostra recensione di Create Netbot S15 sveleremo tutti i punti di forza, le debolezze, i motivi per acquistarlo o meno di questo aspirapolvere robot entry leve.

recensione Create NETBOT S15

Nonostante Roomba, Conga o Dyson siano ancora i robot sottovuoto che catturano le innovazioni del settore, ci sono altri marchi che sono riusciti a farsi un nome con argomenti così inconfutabili come il rapporto qualità-prezzo.

Il CREATE NETBOT S15 è senza dubbio uno di questi robot, grazie a caratteristiche come il suo filtro HEPA, il suo controllo attraverso smartphone,assistenti vocali e il suo prezzo inferiore a 200 euro.

Abbiamo provato questo aspirapolvere robot a buon mercato e questa è stata la nostra esperienza.

Scheda tecnica Create NETBOT S15

CaratteristicaValore
Dimensioni33 x 33 x 7.5 cm
Peso‎3 kg
Potenza di aspirazione1500 Pa
Rumorosità60 dB
Autonomia120 minuti
Capacità serbatoio600 ml
SensoriAnticaduta/Anticollisione
Funzioni SmartSi (Alexa/Google Home)
MappaturaNo
Anno di uscita2020
Serbatoio Acqua200 ml

Design CreateNetbot S15

Quello del Create NETBOT S15 è un design comune tra gli aspirapolvere economici: corpo cilindrico appiattito con un “paraurti” sulla parte anteriore. Per quanto riguarda i tasti, ne troviamo due posti sopra al robot: un pulsante ben visibile per avviare e stoppare la pulizia manualmente e il pulsante on e off, situato lateralmente. Il tasto on/off in realtà è quasi nascosto, e a prima vista potrebbe essere anche complicato trovarlo.

Molto bella la superficie lucida che però rende il robot molto soggetto a sporco e alle classiche ditate.

Si tratta di un robot compatto e leggero, con il grande vantaggio di essere in grado di accedere meglio a posizioni difficili, come sotto i mobili o tra i gambi di sedie e tavoli. Per contro soffrirà un poco di fronte a oggetti alti come tappeti spessi e piccoli dislivelli. Secondo il produttore, può superare ostacoli alti fino a due centimetri.

Create NetBot vista sotto

Capovolgiamo il robot per accedere, nella parte sottostante, a sensori e spazzole di pulizia. Saltano subito all’occhio i classici sensori di caduta per rilevare i dislivelli, che insieme al sensore anti-collisione e vari giroscopi sono responsabili della mobilità del robot,chiamati dal produttore “Smartgyroscope“, di cui parleremo più avanti.

Create NETBOT S15 è dotato di due spazzole laterali con tre strisce per convogliare lo sporco verso il centro e un rullo centrale in silicone con setole disposte a spirale, configurazione e materiali comuni nei modelli entry-level. Gli elementi nella parte inferiore sono completati dalle piastre di carico, dalla ruota omnidirezionale e da altre due ruote motrici.

La sua base di ricarica è compatta, semplice e minimalista, con un LED verde per informarci dello stato di carica. È importante posizionarla base in uno spazio adeguato (poco più di un metro), sui lati e di fronte, in modo che il robot possa entrare ed uscire senza problemi. Con le spazzole laterali poste sull’aspirapolvere, capita a volte che il Create NETBOT S15 si inceppi senza inserirsi bene nella base, e di conseguenza non esegua la ricarica.

Tecnologia Create Netbot S15

Anche se possiamo avviare questo robot aspirapolvere per pulire semplicemente colpendo il tasto posto nella parte superiore, è molto comodo farlo dal nostro smartphone, che ci permette non solo di agire mentre siamo a casa, ma anche e soprattutto quando siamo in giro, o comunque non all’interno dell’abitazione.

Naturalmente, per utilizzare tutte le funzioni smart, il robot e lo smartphone devono essere configurato correttamente, e questa non è esattamente la cosa più facile del mondo. Vediamo perché!

La prima cosa è scaricare e installare l’applicazione. Se si inizia a cercare l’applicazione sulla piattaforma di download, scoprirete che c’è più di uno e che non tutto il lavoro. Per farlo bene, basta leggere il codice QR in basso o nel manuale. Tuttavia, nella documentazione, è dettagliato che devi scaricare “Create” nell’App Store o “NETBOT” in Google Play, ma in quest’ultimo caso troviamo fino a quattro applicazioni e nessuna è chiamata esattamente così. Una volta installato, faremo quanto segue (l’ho fatto con iOS):

  1. Aprire l’applicazione e creare un account, in cui introdurremo i nostri dati personali e e-mail. Una volta concluso, entriamo e accettiamo le condizioni d’uso.
  2. Fare clic su “Aggiungi dispositivo” e scegliere “Robot Vacuum Cleaner” e il nostro modello specifico. Un’altra opzione, leggere il codice QR che viene sul fondo del robot (raccomandabile). Iniziamo il robot dal pulsante sul lato.
  3. Quindi stiamo cercando la nostra rete Wi-Fi (2,4 Ghz) e inseriamo la password. La luce Wi-Fi sulla parte superiore del robot lampeggia e si sente un “robot è di rete” messaggio.
  4. Dall’applicazione, riceveremo le istruzioni per riavviare il robot e tenere premuto il pulsante in alto per alcuni secondi fino a quando non emette un suono.
  5. L’applicazione raccomanda di telefono, router e aspirapolvere sono vicino in modo che la connessione è stabilito. Nel mio caso, ho dovuto ripetere più volte fino a quando il messaggio di successo connessione apparso.

Create App

In particolare questo aspirapolvere robot è compatibile con assistenti vocali di Google e Amazon, che ci permette anche di controllare dalla voce. Per questo dovremo aggiungere questo dispositivo dalla app corrispondente.

Performance di aspirazione

Dopo averlo configurato, lo mettiamo in azione così com’è, cioè con potenza normale, modalità vuoto e pulizia automatica. Un’ora e mezza dopo, ritorna alla base. È la prima pulizia è stata accettabile: di solito faccio funzionare l’aspirapolvere su base giornaliera, in modo che, tranne per un incidente, di solito non è più sporco a parte polvere, capelli, briciole e un po’ di grana.

Naturalmente, nel corso dei giorni controlleremo che se c’è sporco più voluminoso e pesante – come fili d’erba o qualche petalo -, non li raccoglie anche in modalità “Forte”, più ambizioso in termini di potenza di aspirazione e prevedibilmente raggiungendo 1,500 Pascal elencati nelle specifiche. In questo senso, Adatto per le case che non sono troppo sporche o per la manutenzione, integrando la pulizia dei pavimenti con altri elementi come un aspirapolvere a slitta o una scopa.

Secondo il costruttore, la sua autonomia è di due ore, un tempo che almeno in modalità normale… ed è molto utile poiché come vedremo nella sezione di navigazione, il tempo usato per pulire la nostra casa varia enormemente da un giorno all’altro. La mia casa è piuttosto piccola (65 – 70 mq) e, come potete vedere, non è stata così abbondante. In ogni caso, è sempre consigliabile lasciare la casa raccolta per evitare ingorghi e ottimizzare la loro autonomia. Un’altra nota sulla ricarica: è piuttosto lenta, richiede circa quattro ore per essere completata.

Anche se l’automatico è quello che useremo di più, include anche programmi di pulizia a spirale, bordi, sterzo – come se fosse una macchina telecomandata – e spazzare.

Create NETBOT S15 non ha un programma di tappeti appositamente progettato, ma tenendo conto che ha una modalità “forte” e che è in grado di scalare ostacoli fino a due centimetri, abbiamo testato con il nostro tappeto di spessore. Non è la prima volta che un aspirapolvere è bloccato cercando di salire fino ad esso … non è il caso di questo modello, che lo attraversa senza grossi problemi. Naturalmente, la pulizia è abbastanza improvvisabile: basta agitare per verificare che tutti i Create NETBOT S15 troviamo tutte le informazioni necessarie per mantenere correttamente l’aspirapolvere robot e parti come le spazzole laterali e centrali, il filtro, serbatoi o la base di ricarica, tra gli altri.

Uno dei compiti più frequenti che ci accingiamo a svolgere sarà quello di svuotare il serbatoio. Il punto di partenza è identico allo scambio di entrambi i depositi: premere la scheda sul lato per tirarlo e rilasciarlo. Quando è fuori, premere nuovamente la scheda e tirare fino ad aprire il coperchio. Ora possiamo buttare via il cestino e accedere al filtro, che secondo il produttore deve essere sostituito ogni tre mesi (un’unità supplementare viene).

Dopo aver rimosso il filtro, il produttore consiglia di pulire il serbatoio e il pre-filtro toccando e/ o metterlo sotto il rubinetto semplicemente con acqua. Prima di rimetterlo al suo posto e rimettere in funzione il filtro, il sistema costituito dal serbatoio e dal prefiltro deve essere completamente asciutto. Per evitare odori e ostruzioni, dopo lo scrub svuotiamo la vasca e rimuoviamo il mocio, che è lavabile

Recensione Create NETBOT S15: conclusioni

I robot aspirapolvere non possono aspirare così tanto o così come facciamo noi con una scopa elettrica, ma sono preziosissimi alleati per mantenere la casa moderatamente pulita giorno per giorno senza sforzo. È vero che esistono modelli ambiziosi in termini di potenza di aspirazione e navigazione, che si traducono in una pulizia più efficiente, ma anche in un costo significativamente più elevato. Dov’è l’equilibrio? Per molti, Create NETBOT S15 sarà un chiaro candidato per prestazioni e prezzo.

La sua potenza di aspirazione e autonomia sono in grado di soddisfare coloro che vogliono pulizia giornaliera di base e hanno un pavimento di circa 100 metri quadrati, anche se vi aiuteremo notevolmente pulendo il terreno. Se anche scegliamo di pulire le camere trasferendole da una stanza all’altra, meglio che meglio. Anche se anni luce lontano dal lavaggio manuale – come la maggior parte – questa opzione non fa mai male.

Un altro dei suoi grandi affermazioni è la sua condizione di collegato, il che significa non solo che si dispone di un’applicazione, ma può anche essere controllato con Google Assistant e Alexa. L’applicazione non è complicato né offre grandi opzioni di personalizzazione, come le camere di pulizia, ma di solito quello che facciamo di più è semplicemente lanciarlo per pulire o fermarlo, qualcosa che possiamo fare ovunque ci troviamo. E per i meno techiesComes con il telecomando.

Ma se il Create NETBOT S15 ha un punto di forza, questo è il suo prezzo. Non è né il più potente, né il più intelligente, né quello che offre più opzioni, ma per meno di 200 euro è un’alternativa molto capace per la pulizia quotidiana domestica senza pretese. In assenza di sapere come invecchia, la sua lettera di copertura come un aspirapolvere robot economico e collegato è molto attraente.

Lascia un commento